19 gennaio 16

Il Mese della Memoria in Puglia

Il Mese della Memoria in Puglia

La Regione, con la collaborazione dei presidi del libro, organizza durante l'arco di un mese un numero incredibile di appuntamenti che hanno come protagonisti intellettuali, giornalisti, docenti universitari, scrittori, illustratori, artisti, sia pugliesi che italiani ed anche stranieri, che diventano per giovani, studenti e pubblico adulto un momento di riflessione sul tema della Memoria. E gli appuntamenti quest'anno coinvolgono numerosi comuni della Puglia in lungo e in largo, scuole, biblioteche e librerie, ed anche luoghi storici, con un calendario di appuntamenti molto ricco che si allargherà quest'anno al tema dei migranti in una terra di frontiera e di attraversamento come la Puglia. Solo in parte l'annientamento nei lager nazisti è un'esperienza unica ¿ ha proseguitola Capone - la politica dello sterminio nel Novecento non è né cominciata né terminata con Auschwitz: il genocidio degli armeni, le vittime dei gulag, la pulizia di classe dei Khmer rossi in Cambogia e -negli anni Novanta- le pulizie etniche in Jugoslavia e in Ruanda oltre ai gas di Saddam Hussein contro i curdi, definiti un popolo che non esiste. Gli esempi purtroppo non mancano. Quale matrice hanno in comune questi stermini? Quello nazista rimane il più sanguinoso e pianificato in modo maniacale. Ma alla base di ogni politica di sterminio c'è la deriva  di una certa umanità che ha perduto il rispetto e la comprensione dell'altro. E c'è l'assenza di democrazia, i nazionalismi e i razzismi innalzati a metro dell'agire politico. Occorre ricordarlo, bisogna ricordare. E credo che la Puglia faccia la sua parte"

Link di approfondimento:  Programma degli eventi