467 elementi trovati
[Primo/Precedente] 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 [Prossimo/Ultimo]
7 gennaio 19

Galatina è su Forbes, lodata per "mantenuto il loro fascino e autenticità".

No image
. Forbes, tra le più note riviste statunitensi di economia e finanza fondata nel 1917 da Bertie Charles, ha parlato più volte del Salento, con descrizioni entusiaste del lembo di terra tra Otranto e Santa Maria di Leuca. 
Questa volta però, ed e una novità, segnala Galatina. A notificarlo è Giovanni D' Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti" che evidenzia come ancora una volta l' interesse della stampa mondiale tocchi una delle perle del Salento. Galatina, nell' articolo pubblicato ieri su tre piccole città italiane (con Galatina vi sono Dozza e San Gusme), è elencata tra le mete meritevoli di massima attenzione per chi viaggia, per aver "mantenuto il loro fascino e autenticità".
Si legge: «Firenze, Venezia e Roma? Dimenticalo! Certo, queste città italiane riccamente dotate (sebbene troppo turistiche) sono destinazioni che ogni viaggiatore ha bisogno di visitare almeno una volta nella vita, probabilmente più di una volta. Ma per coloro che vogliono sperimentare piccole città che rimangono ancora autentiche e non dipinte da orde di turisti, ecco una destinazione sotto il radar che vale la pena visitare. Se hai una passione per l' architettura barocca e / o sei un goloso, dirigiti verso Galatina, a circa mezz' ora a sud della città di Lecce, in Puglia! » Inevitabile l' indicazione culinaria. «Questo comune (città) è, forse, il più famoso come luogo di nascita del pasticciotto. Il pasticcino con crema pasticcera viene consumato in tutto il Sud Italia, a colazione, a merenda o dessert. Ed è addirittura emigrato in molti quartieri italoamericani negli Stati Uniti. La pasticceria Andrea Ascalone, l' antica panetteria della città, ha sfornato i dolci con la stessa ricetta dal 1785, e continua a preparare le prelibatezze per il Vaticano a Roma, dove ci sono anche appassionati. Una volta era una città cinta da mura, delle quali rimangono solo tre porte (porte)». E poi il racconto prosegue «Passeggia per le strade tortuose e i vicoli del centro storico e ammira i palazzi con i loro balconi in ferro battuto, le intricate pareti in pietra e le facciate decorate. Tranne quando la scuola lascia fuori, le strade sono raramente affollate. Anche se la reputazione della città è insignificante rispetto alla più grande città di Lecce, c' è un sacco di arte, architettura e storia da godere a Galatina, una città con meno graffiti che sembra relativamente incolume dal tempo. Assicurati di visitare la Basilica di Santa Caterina d' Alessandria, dichiarata monumento nazionale nel 1870. Ha un portale notevole con un rosone centrale all' esterno; l' oro, i tesori artistici e gli impressionanti affreschi all' interno si dice che rivaleggiano con quelli della Basilica di San Francesco d' Assisi. Il refettorio adiacente con soffitto arabesco ospita ora un museo. Se la visiti a fine giugno, ti stupirai del festival annuale che celebra il rituale del "tarantismo" con musica e danze. Nella piccola cappella di San Paolo a Galatina, le vittime dei morsi di tarantola velenosi venivano a bere le acque medicinali dal suo pozzo e ballavano la tarantella per favorire la sudorazione.»
 
 
31 dicembre 18

Federalberghi: la Puglia turistica fa il botto per Capodanno 2019

Federalberghi: la Puglia turistica fa il botto per Capodanno 2019

Presenze totali +10%, stranieri +15%. Dalle rilevazioni della Federalberghi Puglia, il sistema alberghiero regionale registra un considerevole incremento di oltre il 10% (con punte fino al 20%) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. l turisti che hanno scelto la Puglia per le vacanze di Capodanno sono in maggioranza italiani, mentre gli stranieri continuando il trend positivo del 2018, si attestano intorno al +15%. Per le festività di Capodanno, la permanenza media sarà di 3/4 notti, in linea con il trend nazionale, mentre la spesa media pro-capite (comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti) sarà di circa 500 euro, con un conseguente importante giro d'affari.
«Per le vacanze di Capodanno 2019 - dichiara Francesco Caizzi, presidente della Federalberghi Puglia - il turismo della nostra regione incassa un risultato positivo che arriva alla fine di un 2018 che ha registrato incrementi soddisfacenti. La crescita a due cifre delle presenze di fine anno promuove la nostra filiera che dimostra, negli ultimi anni, di essere capace di andare oltre il sole e il mare per attrarre turisti anche nella bassa stagione con la cultura, i paesaggi, i piccoli borghi, le città d'arte, la enogastronomia, i grandi eventi e le tradizioni religiose e popolari.»
«I turisti che ci hanno scelto per questo Capodanno - continua Caizzi - hanno preferito le nostre città d'arte (Bari, Lecce, Taranto, Brindisi), i paesi e i borghi dove le tradizioni natalizie sono vive e autentiche nel Salento, nella Città Metropolitana di Bari, nel nord barese, in Valle d`Itria, nel Gargano e nei Monti Dauni. I must estivi come Gallipoli, Polignano a Mare, Monopoli, Ostuni,
«Insomma - conclude il leader degli albergatori pugliesi - la nostra regione (secondo la Swg autentica, genuina, tradizionale, accogliente e dal calore umano) è sicuramente una destinazione in crescita nei mercati europei, anche grazie alla promozione di questi anni e allo sviluppo dei collegamenti aerei diretti. La propensione per il viaggio in Puglia anche durante le festività di fine anno, conferma il trend di crescita già rilevato a livello nazionale. Una tendenza che fa ben sperare per il turismo e per tutta l'economia regionale e fornisce delle conferme importanti agli operatori del settore. Ci aspettiamo che il Governo regionale e quello nazionale continuino a riservare al turismo l'attenzione dovuta, con concrete misure di sostegno al settore, soprattutto in tema di fiscalità. Nello stesso tempo, la Federalberghi non abbasserà la guardia nella battaglia contro l'abusivismo ricettivo, una piaga che rischia di vanificare tutto il lavoro svolto a favore dello sviluppo turistico della Puglia e dell'Italia intera.»

28 dicembre 18

Aperto l'accreditamento per il BuyPuglia Tour 2019

Aperto l'accreditamento per il BuyPuglia Tour 2019

Da oggi sono attive le procedure per manifestare l'interesse alle prime 4 tappe del BuyPuglia Tour ¿ 2019 Edition. Pugliapromozione, a partire da gennaio, sarà presente in varie città europee collegate agli aeroporti pugliesi con voli diretti. Il BuyPuglia Tour è una delle più significative attività promozionali realizzate dall'Agenzia per supportare la commercializzazione dell'offerta turistica pugliese su mercati esteri, consolidati e target. Contribuisce, inoltre, a incrementare la conoscenza della destinazione e la notorietà del brand Puglia. Il BuyPuglia Tour consentirà alle imprese pugliesi di entrare in contatto diretto con buyer internazionali e giornalisti, in un workshop interamente dedicato alla destinazione Puglia.

BuyPuglia Tour 2019 - Tappa di Praga     
15.01.2019
L'accreditamento scade il 27 dicembre

BuyPuglia Tour 2019 - Tappa di Francoforte
17.01.2019
L'accreditamento scade il 27 dicembre

BuyPuglia Tour 2019 - Tappa di Mosca   
29.01.2019
L'accreditamento scade il 7 gennaio

BuyPuglia Tour 2019 - Tappa di Vilnius   
31.01.2019
L'accreditamento scade il 7 gennaio

Link di approfondimento:  Accreditamento
21 dicembre 18

La Puglia festeggia il Natale. Loredana Capone: La Regione Puglia al fianco degli organizzatori.

No image
Da oggi, 21 dicembre, fino al 6 gennaio, chi resterà e verrà in Puglia per le vacanze natalizie non rimarrà deluso: potrà assistere a mostre, spettacoli e concerti e degustare le prelibatezze tipiche della tradizione natalizia pugliese, tante e diverse in ogni provincia. Un tour alla scoperta delle tradizioni, degli eventi che animano i borghi, del cibo e della natura, nei capoluoghi - Bari, Lecce, Brindisi, Taranto, Foggia, Trani e Andria - e nei paesi più caratteristici della Puglia, nelle masserie e nei siti culturali e archeologici, da nord a sud. Ma saranno anche le comunità pugliesi a godere di un ricco calendario di iniziative che vanno dai concerti lirico sinfonici a quelli di musica leggera, ai concerti natalizi nelle cattedrali, agli spettacoli teatrali per adulti e per i più piccoli, agli itinerari nei borghi, ai laboratori esperenziali sul cibo, ai cortili aperti, agli spettacoli di giocolieri, acrobati, trampolieri nei centri storici, alle mostre come quella internazionale al Museo Castromediano di Lecce, »Giorgio Castriota Scanderbeg. Un eroe albanese in Puglia» o quella multimediale »Van Gogh alive - The experience» al nuovo teatro Margherita a Bari. E ancora l' Alba dei Popoli ad Otranto. Sono tanti i bandi della Regione da cui scaturiscono anche molte delle iniziative per il Natale: da quello triennale per le Attività culturali e lo Spettacolo dal vivo, al programma straordinario annuale per la cultura e lo spettacolo, da i bandi «In Puglia 365» per una programmazione di attività per allungare la stagione turistica oltre l' estate, al bando «Attrattori culturali», per legare il restauro alla fruizione dei beni culturali, fino alle Community Library e i Poli Bibliomuseali acquisiti dalla Regione. 
«Insieme ai Comuni, agli operatori, abbiamo costruito un ecosistema della cultura in cui ciascuno possa esprimere la propria creatività valorizzando le peculiarità dei territori, col sostegno della Regione - afferma l' Assessore regionale all' Industria Turistica Loredana Capone - Abbiamo messo in campo strumenti finanziari che potessero agevolarci nella sfida facendo attenzione a garantire a tutti le stesse opportunità. E la risposta è stata positiva. Si è creata una grande sinergia fra Regione, Comuni, imprese e operatori che hanno lavorato gli uni al fianco degli altri per la realizzazione di tutte le azioni e le attività messe in campo. Ed il risultato è veramente incredibile!»
Entusiasta anche Luca Scandale, Coordinatore del Piano Strategico Puglia365:  «Vogliamo puntare anche sul Natale. La Puglia offre una sua versione del Natale tutta da sperimentare. Abbiamo anche lanciato un video emozionale da condividere sui social che raccoglie le interviste di chi è in Puglia a Natale e ne subisce positivamente latmosfera, italiani, pugliesi e stranieri. »
19 dicembre 18

Ottimo bilancio di fine anno per Pugliapromozione

No image
La Puglia, regione che ha raggiunti importanti successi nel 2018 come l'essere regione d' onore al Galà del National Italia American Foundation a Washington e al primo posto per numero di Comuni d' eccellenza, a fine anno può nuovamente festeggiare per gli importanti risultati ricercati ,voluti, sostenuti e stilati al bilancio da Pugliapromozione, l' agenzia specializzata nella diffusione del brand Puglia nel mondo.
Con le scelte oculate e positive, finanziate con 40 milioni investiti sulle politiche turistiche nel triennio dei quali,14 milioni nel 2018, si ha avuto una risposta di numeri e mercati incoraggiante: +10% di stranieri fino ad agosto quindi +3% il tre per cento in più rispetto al 2017, il tasso di internazionalizzazione è salito di due punti e mezzo, dal 22,8% del 2017 al 25,3% del 2018 e non a caso le le strutture ricettive sono cresciute del 6,8 per cento e le imprese turistiche del 2,6¿ ampliato il numero di addetti al settore del 5,3 per cento¿ il traffico dei passeggeri negli scali di Bari e Brindisi ha registrato il +6,5 per cento.
Durante la rassegna stampa "La Puglia del Turismo" realizzata dall'agenzia regionale Pugliapromozione, Loredana Capone assessore all' Industria Turistica e Culturale, ha commentato "«Questo accade grazie ad un potente gioco di squadra e ad un investimento pari a 14 milioni nel 2018 che hanno portato a risultati importanti e stabili, in una regione in cui il turismo non ha radici antiche», e ancora  « a onor del vero, non occorreva aspettare i dati, se solo scorriamo con la memoria breve ed estiva tutte le volte che abbiamo letto, scritto, ci siamo stupiti e divertiti di arrivi supervip via terra, mare, di loro soggiorni in masserie, trulli, pagliare. Risultato di una visione lunga, seminata negli anni, verificatasi così come era stato previsto.»
Successo della Puglia autentica - afferma il coordinatore del piano strategico Puglia 365, Luca Scandale - , ed è quest' ultima parola che vogliamo raccomandare a chi deve averne cura, perché è la nostra forza, ove salvaguardata da assalti e sofisticazioni, da tornelli e riletture. Restiamo autentici, è l' augurio. E il proposito.
Il Governatore Emiliano con una nota si esprime così «La Puglia è una meta turistica amata perché custodisce la sua autenticità, fatti di luoghi, di paesaggi, delle tradizioni e della cultura dell' accoglienza. Il nostro lavoro è incessante per migliorare l' offerta turistica, tutelando l' ambiente e la qualità della vita, e promuovendo eventi e servizi di qualità.
Siamo molto attenti ai trend internazionali e ai vari target turistici. E questo lavoro consente alla Puglia di
avere un' offerta che piace tanto ai giovani quanto ai viaggiatori esperti, al turismo business e di lusso
così come agli appassionati di viaggi culturali, enogastronomici, esperenziali. Tra le novità di quest' an
no segnalo anche la collaborazione con i Pugliesi nel mondo, che può dare un grande contributo alla
promozione della destinazione».
18 dicembre 18

Un videogioco targato MArTA per la promozione culturale di Taranto

Un videogioco targato MArTA per la promozione culturale di Taranto
 
Il MArTA, il museo archeologico nazionale di Taranto sta puntando a una nuova narrazione del suo territorio, ponendo la crossmedialità e lo storytelling digitale al centro delle proprie scelte di comunicazione. Realizzato in collaborazione con il ministero dei Beni culturali e affidato al collettivo internazionale TuoMuseo per lo sviluppo multipiattaforma, Past for Future è il videogioco ideato per valorizzare turisticamente tutta l' area di Taranto e dintorni. Scaricabile tra pochi giorni gratuitamente su App Store e Google Play - sia in lingua italiana che inglese - il gioco si propone come un lungo viaggio investigativo nella città dei due mari e nei tesori del MArTA, un gioco interattivo e dinamico poiché   l' utente si potrà confrontare con una serie di scelte che riguardano il passato, il presente e il futuro del capoluogo. In un gameplay in due dimensioni e un racconto multimediale ricco di contenuti didattici ed allettanti il giocatore potrà dialogare con decine di personaggi e compiere scelte che lo porteranno in giro attraverso il tempo e lo spazio. Dalla Taranto sotterranea alla Tomba degli Atleti, passando per la colonia spartana e le attuali vie della città, Past for Future intende favorire  tramite l'interazione fra il pubblico internazionale e la grande ricchezza storica ed archeologica di Taranto tramite l'esperienza emozionale videoludica. Un approccio esperenziale che ricalca il successo del precedente titolo sviluppato da TuoMuseo con Father and Son, il videogioco pubblicato lo scorso anno dal MANN di Napoli che ha realizzato oltre 3 milioni di download su dispositivi mobili. «I videogiochi rappresentano il cinema del XXI secolo - riflette il game designer per TuoMuseo Fabio Viola- quindi è normale che si stia cominciando a parlare di turismo videoludico. Gli immaginari si creano anche attraverso questi strumenti, un esempio emblematico è quello del 2009 del gioco Assassin Creed. Il borgo medievale di Monteriggioni incamera ancora oggi il 20 per cento di presenze grazie al videogioco ed è questa l' operazione che vogliano realizzare con Past for Future ».
 Si cerca dunque un impatto culturale concreto, su un posizionamento fortemente focalizzato sui millennials. 
Ma non finisce qui: è stata studiata anche una strategia per invogliare il pubblico a recarsi fisicamente a Taranto e in particolare all' interno del MArTA. In esso saranno sbloccabili alcuni contenuti aggiuntivi del gioco, solo attraverso un check-in nel museo, dunque geotaggando il proprio smartphone o tablet durante la visita al percorso espositivo. 
 
 
 
(Immagine presa dal sito https://www.ansa.it/viaggiart/it/place-14622-museoarcheologico-nazionale-di-taranto-marta.html) 
 
18 dicembre 18

La Puglia sta vincendo la sfida della destagionalizzazione

No image
I dati relativi ai primi 10 mesi del 2018 raccolti dall' Osservatorio di Pugliapromozione evidenziano un+3% nei flussi turistici complessivi e punte del +10% per gli arrivi dall' estero. Gli stranieri che scelgono il Tacco d' Italia per le loro vacanze, secondo quanto esposto sul Sole24Ore, sono principalmente  provenienti dai Paesi Bassi, con i visitatori Usa che vedono un aumento dei flussi dell' 85%. 
Riguardo la tipologia di prodotto ricercato, si impone quello di fascia alta, con arrivi a +172% negli hotel a 5 stelle Lusso e presenze a +139%. 
 La Regione ha investito  nel turismo con una spesa di 40 milioni di euro, messi a disposizione per un triennio e destinati alla spinta del prodotto sui bacini esteri di Russia, Cina, Canada e Usa per la destagionalizzazione dei flussi.
 
14 dicembre 18

Altamura, Gravina, Ginosa e Laterza e Santeramo del "Parco dell'Alta Murgia" insieme «Impegnati per raggiungere insieme risultati straordinari»

No image

Matera festeggia i 25 anni da iscritta nei Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco, a cui si aggiunge la trepidazione dell'avvento del 2019, quando Matera diverrà Capitale Europea della Cultura.

In questa cornice speciale c'è un altro protagonista, il Parco Nazionale dell'Alta Murgia che vuole allargare la visuale riguardo i beni culturali locali del meridione d'Italia. I propositi si manifestano grazie al programma "La Murgia abbraccia Matera": per questo il Parco nazionale dell'Alta Murgia ha co -promosso l'incontro "Partecipazione, Territorio, Tradizioni Future. La Cultura della Valorizzazione", svoltosi presso l'ex ospedale "San Rocco". Un momento operativo affinché il territorio e i suoi attori continuino ad essere centrali nella storia e nel bello. Una grande opportunità per lavorare insieme alla creazione di progetti operativi in cui il Parco Nazionale dell'Alta Murgia vuole essere presente. Come lo spiega il presidente vicario Cesare Troia, «Abbiamo lanciato lo slogan delle tre C: conoscenza, consapevolezza e condivisione proprio perché siamo convinti che il nostro territorio vada conosciuto e che si sia consapevoli di quello che può offrire per poterlo poi condividere e puntare insieme alla crescita. Un territorio che vuole andare anche fuori dei propri confini giuridici e amministrativi: tra i progetti del Parco, in questo senso, stiamo lavorando per raggiungere l'obiettivo della redazione di un piano di gestione integrata dei siti Unesco (anche fuori dal Parco), cercando di coinvolgere un territorio più ampio. C' è poi il percorso "La Murgia abbraccia Matera" che ci vede strategicamente impegnati per raggiungere insieme risultati straordinari. Dobbiamo accogliere, in maniera convinta, le sfide importanti che ci arrivano dal territorio. Metterci insieme, abbandonando i campanilismi, e lavorare perché il nostro territorio abbia uno sviluppo internazionale».

Il progetto, il cui programma è stato pensato e coordinato dall' Architetto Pietro Laureano (presidente ICOMOS Italia), comprende anche i cinque comuni di Santeramo, Altamura, Gravina, Ginosa e Laterza. Fabrizio Baldassarre, componente del Consiglio Direttivo del Pnam e sindaco di Santeramo ha definito importante questo percorso poiché «favorisce una visione d' insieme e strategica rispetto alla possibilità di allacciarsi a Matera 2019 e oltre: l'appuntamento del prossimo anno deve essere un pretesto per trovare quelle connessioni legate al paesaggio, alla cultura e al territorio che possano permetterci di crescere. Importante, in questo senso, è il ruolo del Parco Nazionale dell' Alta Murgia che cerca di andare anche il proprio perimetro e i propri confini per accogliere questa sfida: abbiamo tutti bisogno, per il nostro territorio, di metterci in gioco, farci conoscere e proporci».

 

13 dicembre 18

Salomone, Confindustria :il Mice è un settore in crescita, come il cicloturismo

No image

Qualcosa sta cambiando: gli attrattori culturali baresi e non, stanno aumentando numero ed efficacia.

Massimo Salomone, responsabile turismo di Confindustria Bari ¿Bat, apprezza gli sforzi pubblici nell' organizzare eventi ed appuntamenti per attrarre i viaggiatori e prendendo spunto dall'acclamata mostra multimediale in corso al Teatro Margherita, commenta così «Il turismo culturale è importante per puntare alla destagionalizzazione, per questo come imprenditori miriamo alla programmazione di grandi eventi, che possano essere mostre o convegni. Tutto serve per far venire in Puglia e Bari le persone. I congressi ad esempio sono un ottimo volano.Se il professionista arriva nel nostro territorio e se ne innamora, ri tona con la famiglia.Ma deve innamorarsi e soprattutto trovare servizi» e ancora, «Apprezziamo gli sforzi che la Regione e il territorio tutto sta facendo, si selezionano percorsi, supportando le fiere, sicuramente si deve continuare su questo solco e spingersi oltre.Come imprenditori siamo pronti a metterci in campo, segnalando gli interventi da portare avanti. Si deve lavorare su più fronti».
Aggiunge « il turismo di qualità ha bisogno di figure professionali preparate e formate adeguatamente e sulle reali necessità delle imprese. È essenziale. Così come esplorare tutti gli ambiti, ad esempio non trascurare il cicloturismo. Si tratta di un ambito che potrebbe sembrare di nicchia ma che muove quasi semi professionisti: si spostano con biciclette di valore, alloggiano in alberghi da 4 o 5 stelle, vogliono mangiare bene perchè l' attività fisica che svolgono è intensa ».
Concludendo, auspica ad un maggior investimento umano e di capitali sul MICE e altre tipologie turistiche per ora non molto sfruttate, altamente proficui e in linea con i propositi di destagionalizzazione di offerta turistica. 

 

12 dicembre 18

"La Puglia del Turismo", conferenza stampa presso Pugliapromozione

No image

Il 18 dicembre alle ore 12.00, presso l'Agenzia Regionale del Turismo Pugliapromozione (Fiera del Levante, Padiglione 172, Lungomare Starita, 70132 Bari) si terrà la conferenza stampa dal titolo: "La Puglia del Turismo - Le cose fatte nel 2018 - I buoni propositi per il nuovo anno". Modera Luca Scandale, Coordinatore del Piano Strategico Puglia365 ed interverranno Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia; Loredana Capone, Assessore all'Industria Turistica e Culturale - Regione Puglia; Aldo Patruno, Direttore del Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del territorio e Matteo Minchillo, Direttore Generale di Pugliapromozione.